Coime fare per contenere le intemperanze di un batterista "vigoroso"?
è possibile costruirsi in casa una qualche sorta di "gabbiotto insonorizzato"?

ho qualche esperienza come montatore di cartongesso e isolamenti in studi di registrazione e qui di seguito allego alcuni consigli fornitimi da un collega molto piu esperto per costruire in casa una stanza "galleggiante" isolata.

si parte creando un pavimento galleggiante costituito da un pacchetto di materiali sovrapposti che elenco in sequenza partendo dal basso, o dall' alto tanto è uguale:)

pannello di multistrato minimo 20 mm
2 strati di cartongesso da 15 mm
pannello multistrato minimo 20 mm

questo pacchetto minimo può ulteriormente essere umentato con la stessa formula, aggiungendo cioè altro cartongesso ed altro multistrato, oppure utilizzando spessori di materiale minori, ma aumentandone il numero. tradizionalmente le lastre vengono fissate fra di loro con un sproposito di viti per eleimanre i cigolii, ma ultimamente ho ottenuto ottimi risultati incollando il tutto con colla da piastrelle..... le lastre ovviamente vanno accostate fra di loro con precisione con giunzioni siliconate ed alternate, cioè non sovrapposte
tutto il pacchetto poggerà su dei tappi di gomma , chiamati waffler, i più noti sono prodotti dalla americana Mason Industries, che ha anche una sede a milano, ed hanno dimensioni approssimativamente di 5 x 5 cm x 2,5 di altezza.

se non li trovi, stendi su tutta la superficie del pavimento preesistente unostrato di lana di roccia ad alta densità (150/180 kg/mc.) h. cm5.
a lavoro finito sul pacchetto si potrà posare moquette o quel che si vuole.
le pareti del gabbiotto vanno costruite SUL pavimento galeggiante, e sia queste che il soffitto saranno costituite dai seguenti materiali che elenco partendo dall' esterno:

lastra in MDF 20 mm.
struttura portante da parete per cartongesso in acciaio larghezza 7,5 cm
una lastra in cartongesso da 15mm
una lastra di PIOMBO da 2 mm (che andranno meticolosamente accostate una all' altra)
una lastra di cartongesso da 15 mm

l' intercapedine fra MDF e cartongesso andrà riempita con lana di roccia tutte le giunzioni e gli accostamenti fra lastra e lastra andranno accuratamente sigillate con silicone. (se ne usa una quantità incredibile negli isolamenti perchè tutto deve essere perfettamente sigillato e atenuta stagna)

al posto del piombo si potrà usare la "gomma al piombo" una specie di "linoleum" nero e densissimo, facile da incollare sulle lastre in cartongesso, più economico ma anche meno redditizio.

Punti a questo Giunto, rimangono 2 grossi problemi da risolvere:

1) la PORTA. se non si installa una porta a tenuta stagna, con le stesse caratteristiche delle pareti, è tutto lavoro sprecato. potete provare a costruirla voi con gli stessi materiali usati fin qui ed avendo cura che la chiusura sia ermetica con le migliori guarnizioni che possiate trovare.

2) l' ARIA condizionata. dentro ad un mini inferno del genere si creerà subito un gran caldo. cacolate che siete chiusi , sigllati in un ambiente piccolissimo, state sudando come dei maiali accanendovi sui tamburi ( o sulla vostra morosa per non farvi sentire dai genitori:-) ed i materiali fonoassorbenti trasformano le onde sonore in energia dissipata sotto forma di calore.

un sistema di ricambio d'aria è praticamenteobbligatorio, ma i tubi per lo scambio gassoso sono pericolosissimi veicoli di trasmissione sonora. occorre perciò utilizzare speciali condutture in un materiale morbido , una stoffa simile all' alluminio nel colore, sorretta da una molla interna. questo materiale presenta una miriade di piccoli fori di circa un millimetro che permettono alla lana di vetro che li avvolge esteriormente di assorbire i rumori che inevitabilmente verranno convogliati nella tubazione. le pareti interne potranno venire rifinite come si vuole, anche con quelle spugne piramidali che vanno tanto di moda.

ma ricordo che di quelle ce ne sono 2 tipi fondamentali: quella nera , che deve essere una sorta di poliuretano a celle aperte, ed è anche più economica, assorbe tutte le frequenze dai 1000 hz in su (quindi non è poi un gran chè)

quella bianca, che è un materiale completamente diverso e costosissimo (45mila al metro) che assorbe da 300 hz in su.

in ogni caso sempre con piramidi di almeno 5 cm più in generale, vorrei far notare che l' utilizzo della sola spugna con le piramidi non è sufficiente per una completa correzione ambientale, perchè non interviene sulle frequenze basse che sono il vero problema. per le frequenze basse funzionano solo le trappole acustiche "bass trap", ma questo è un altro discorso e puoi trovare info sul web

cia

BS

AGGIUNGO che il pavimento così congegnato è pensato per chi deve farlo in condomini o luoghi dove sia difficoltoso lavorare con mezzi tradizionali. diversamente una gettata di calcestruzzo di 10cm con rete elettrosaldata è molto meglio e infinitamente piu economica. in entrambi i casi il pavimento galleggiante non deve assolutamente toccare le pareti preesistenti, e nel caso del cemento, sulla lana di roccia va prima steso un nylon robusto per contenere l' acqua fino all' asciugatura, e lungo le pareti va posizionata lana di rocia in veritcale per tenere discostata la gettata dei soliti 5 cm......

peps

torna a LE MIE FAQ